ArchivIA Università degli Studi di Catania
 

ArchivIA - Archivio istituzionale dell'Universita' di Catania >
Tesi >
Tesi di dottorato >
Area 01 - Scienze matematiche e informatiche >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10761/1211

Issue Date: 18-Apr-2012
Authors: Marassa', Fabiola
Title: Transiti, Dilatazioni Mnestiche e Identità in The Road to Fez
Abstract: Nell intento di recuperare le eredità più complesse e la capacità di reazione di scritture dove più in evidenza sono i processi di migrazione tra America e Marocco, nel primo capitolo definiremo il profilo di una minoranza, i transiti e le erranze presenti e passate dei sefarditi, in quello spazio rappresentativo in cui identità e voce s intrecciano a ricerca storica, memoria e fiction. Chiariremo le genealogie matrilineari, la molteplicità di profili e di influenze che concorrono alla definizione dell identità transnazionale di Ruth Knafo Setton e fondamentale risulterà lo studio di Diane Matza, specialista di letteratura sefardita americana e responsabile di un autentico recupero critico volto a dimostrare la ricchezza di una tradizione per molto tempo trascurata. Nel secondo capitolo indicheremo le soglie e le strategie di un testo, The Road to Fez, che attraverso le sue innumerevoli e originali forme paratestuali presenta una intentio operis che celebra forme narrative ibridate che mostreremo essere in rapporto speculare con il percorso esistenziale della scrittrice. Conserva il valore di quesito quella complessità nei confronti dei concetti di vittima, di ebreo, di esilio, di scoperta dell io, di ricerca introspettiva a cui risponderemo attraverso un percorso interdisciplinare. Infine, nel capitolo conclusivo procederemo alla rilettura di tracce di quella tensione che si esplicita fin dalle prime pagine del romanzo, che contiene i termini di uno spaesamento storico e culturale, frutto del retaggio sefardita e della successiva acquisizione statunitense, capace di generare tutta la complessità di una coscienza-conoscenza qualora se ne rilevi un certo piacere topografico della scrittrice a s-figurare luoghi e miti di Fez attraversandoli con sguardi molteplici, lontani nel tempo e nei contesti.
Appears in Collections:Area 01 - Scienze matematiche e informatiche

Files in This Item:

File Description SizeFormatVisibility
MRSFBL78T63C351Z.pdf1,59 MBAdobe PDFView/Open


Items in ArchivIA are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.


Share this record
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

  Browser supportati Firefox 3+, Internet Explorer 7+, Google Chrome, Safari

ICT Support, development & maintenance are provided by the AePIC team @ CILEA. Powered on DSpace Software.